GALONI, “INCONTINENTI ALLA DERIVA” è il terzo album tra folk e cantautorato in uscita il 7 dicembre per Goodfellas

GALONI

INCONTINENTI ALLA DERIVA

è il terzo album
tra folk e cantautorato
in uscita il 7 dicembre per Goodfellas

INCONTINENTI ALLA DERIVA è il terzo album di GALONI, in uscita il 7 dicembre perGoodfellas e anticipato dal singolo Banksy. L’artista della provincia romana continua il percorso narrativo iniziato con Greenwich (2011) e Troppo Bassi Per I Podi (2014), affrontando tematiche attuali, questioni sociali e geografie sentimentali. Undici tracce folk che guardano alla tradizione del cantautorato italiano e alle sonorità del Nord Europa.

INCONTINENTI ALLA DERIVA è un disco che tira le somme, riflette sulle anomalie del periodo storico attuale e sulla omologazione del tempo. “Difficilmente riusciremmo a distinguere un 2004 da un 2013. Oltre alla moda, al costume, all’arte, al cibo o al suo modo di vivere, l’uomo è riuscito a massificare  anche il tempo. Contrariamente al secolo scorso, quando gli eventi storici particolari, le innovazioni artistiche, le resistenze culturali riuscivano a dare una identità ad ogni singola pagina del lunario”. Il disco si avvale della produzione artistica di Emanuele Colandrea con cui Galoni ha lavorato già nei dischi precedenti. Il sound attinge dalla matrice folk già presente in Greenwich e Troppo Bassi Per I Podi, mantenendo una radice sonora tipica della tradizione cantautorale italiana ma aprendosi anche a contaminazioni moderne di carattere nordeuropeo.

“Nell’accezione dantesca gli incontinenti sono coloro che non riescono a contenere il desiderio morboso del vizio perché danno poco spazio alla ragione. E in questo cerchio abita la maggior parte di noi, me incluso.” (Galoni)

TRACKLIST & CREDITS
1. Banksy / 2. I sistemi binari / 3. In linea d’aria / 4. L’America è una truffa / 5. Per andare dove / 6. Status quo / 7. Stachanov / 8. Trattato monetario / 9. Il sistema tolemaico / 10. Mi resterà il tuo nome / 11. Una razza di giganti

Registrato presso il Condominio dell’arte e il 29Lab di Giulianello (LT)
Mixato da Emanuele Colandrea presso 29Lab di Giulianello (LT)
Mastering: Alessandro Di Nunzio presso NMG recording studio di Palestrina (RM)
Copertina: Graziano Leoni
Progetto grafico: Sofia Bucci

Hanno collaborato alla realizzazione: Valerio Manelfi (basso) Giuliano Bastianelli (chitarre elettriche), Matteo Scannicchio (pianoforte in “Stachanov”, Carmine Pagano (trombone), Andrea Ruggiero (violini), Luca Balsamo (fonico), Giancarlo Barbati (chitarra elettrica in “Status quo”).

BIO
Emanuele Galoni, classe 1981, vive in provincia di Latina ma è da sempre attivo a Roma. Cantautore di matrice folk, guarda alla tradizione italiana e alle sonorità moderne del nord-europa. “Greenwich” (2011) e “Troppo bassi per i podi” (2014) sono i due album all’attivo, pubblicati dall’etichetta 29Records per la produzione artistica di Emanuele Colandrea. Il suo brano “Carta da parati” è stato inserito nel 2014 nella lista dei candidati al premio Tenco come miglior canzone dell’anno. Molto apprezzato per il suo stile di scrittura, insolito nel panorama attuale, Galoni ha costruito un immaginario poetico ed urbano con una attenzione particolare alle tematiche sociali. “Incontinenti alla deriva” (Goodfellas) è il suo terzo album.

www.facebook.com/emanuelegaLoni / www.instagram.com/galoni_official/ / www.galoni.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.